Nomina Inopportura per il Raddoppio della tratta ferroviaria tra Termoli e Lesina

Nomina Inopportura per il Raddoppio della tratta ferroviaria tra Termoli e Lesina

29 Gennaio 2021 Off Di Redazione

La questione è decisamente delicata. Parliamo infatti del Raddoppio del Binario Ferroviario della tratta Termoli-Lesina, per il quale, in relazione ad una proposta da parte di Rete Ferroviaria Italiana circa la costruzione di una decina di chilometri di barriere antirumore, alte 8 metri, da realizzare in calcestruzzo a Termoli, è in corso un Procedimento di Valutazione di Impatto ambientale presso la specifica Commissione del Ministero dell’Ambiente.

A tal riguardo giunge una nota a firma di Carmela Sica, che è portavoce del Comitato Cittadini in Rete, che ricorda la posizione che è favorevole al raddoppio ma assolutamente contraria all’unica proposta della Rete Ferroviaria riguardo alle barriere.

Interviene per un fatto singolare, che in questo caso genera di certo un sospetto di interferenza, che potrebbe riguardare un iter burocratico già in avanzamento.

Il problema riguarda il Presidente del Consiglio Conte, che, qualche giorno prima delle sue dimissioni, nomina 30 Commissari Straordinari per 58 opere pubbliche, tra le quali quella del raddoppio Termoli-Lesina.

L’ambiguità è che il Commissario nominato per l’opera tra il Molise e la Puglia è Roberto Pagone, che è il responsabile di Area Sud Direzione Investimenti di Rete Ferroviaria Italiana.

Una scelta quantomeno inopportuna, visto l’unica proposta su cui si sta valutando l’impatto ambientale che è stata fatta dalla stessa Rete ferroviaria e dunque, secondo quando affermano i rappresentanti del Comitato è “come nominare arbitro in una partita importantissima, l’attaccante della squadra avversaria”.

Decisamente non sembra né adeguato, né opportuno e neanche giusto.

 

Scarica la nostra app 

scarica la nostra app