Caso Don Marino. L’ex parroco di Portocannone trasferito nel carcere di Rebibbia

Caso Don Marino. L’ex parroco di Portocannone trasferito nel carcere di Rebibbia

22 Ottobre 2020 Off Di Redazione

Si chiude la vicenda Don Marino con il trasferimento all’interno del penitenziario di Rebibbia a Roma. L’ex parroco di Portocannone dovrà scontare la sua pena di 4 anni e dieci mesi per via degli abusi commessi nei confronti di Giada Vitale, una molisana che all’epoca dei fatti aveva 13 anni.

A trasferirlo in carcere sono stati i carabinieri su mandato della Procura generale dopo che la Corte di Cassazione penale ha rigettato il ricorso presentato dal Procuratore generale e dall’imputato. Il procuratore generale presso la Corte di Appello, Fioretti, aveva chiesto di annullare la sentenza.

Nei prossimi giorni è attesa anche la risposta del Ministero della Giustizia all’interrogazione presentata dalle parlamentari Ascari e Testamento.