Sanità, trasporti e politiche sociali. Per la Uil si chiude un anno pieno di problemi

Sanità, trasporti e politiche sociali. Per la Uil si chiude un anno pieno di problemi

27 Dicembre 2019 Off Di Redazione

Tra pochi giorni finirà il 2019 ma con il nuovo anno non andranno via i vecchi problemi che attanagliano la Regione.
Dal settore dell’edilizia, ai trasporti, al lavoro e alla sanità, sono tante le piaghe del Molise che fanno male alla popolazione.
A denunciare una situazione in stato di emergenza la Uil che chiede interventi urgenti da parte delle istituzioni al fine di migliorare realmente l’anno alle porte. La situazione attuale è ferma, come il turismo e l’occupazione, che nonostante un lieve rialzo continua a non decollare. Di conseguenza, molti, anzi, moltissimi i giovani che ogni anno decidono di lasciare il Molise per andare cercare non fortuna ma per lo meno una occupazione stabile al nord Italia.
Argomento difficile da trattare, per i sindacati quello della sanità, una sanità ormai distrutta, divenuta terreno di scontro politico, tra chiusure di reparti e crescita nel privato a discapito del pubblico.
Al momento è attesa per quanto riguarda il settore scolastico, anche quello fortemente impoverito negli anni, a discapito delle nuove generazioni che rischiano di avere una formazione carente
Tra le tante situazioni di stallo, per i sindacati un pensiero costante va alle politiche sociali, settore carente e poco agevole. Alla luce del costante invecchiamento si richiede urgente lavoro al fine di potenziare il sistema di welfare e cercare di cerare una rete di aiuto per le fasce deboli della popolazione, le più bisognose, bisognose di cure urgenti. Insomma, il 2020 sta per arrivare, ma a detta di molti pare non ci sia nulla da festeggiare ancora.